Campionato UISP di Rugby girone C, Old Cesena Rugby continua a vincere

La squadra si stringe intorno al capitano prima di scendere in campo

La quarta giornata di campionato è arrivata la scorsa domenica 17 dicembre, quasi il solstizio d’inverno, con un cielo terso ed un sole appena sufficiente ad evitare il gelo sul campo aperto di Mulino Cento. Nonostante ciò il pubblico intervenuto ad assistere, tanto di parte casalinga quanto del seguito del team ospite, è stato numeroso e siamo certi anche che si sia molto divertito.

Per fare una considerazione iniziale, con la squadra reduce da due ottime prove contro Pisa e Frasso Sabino, oltretutto dispendiose a livello fisico, sarebbe stato più che lecito attendersi dai ragazzi un lieve calo atletico e di concentrazione in campo ed invece i nostri obelix ancora una volta hanno voluto stupire tutti, mettendo a segno una prestazione nuovamente di alto livello. Segno che gli allenamenti settimanali sono ben fatti e che l’armonia all’interno della squadra continua a crescere. Da parte old ci piace credere che se le cose stanno funzionando nel migliore dei modi forse è anche un po’ merito nostro, forse siamo riusciti a far sentire questi splendidi ragazzi come a casa propria, a far sentire questo campo come il loro campo.

Passiamo dunque a quanto abbiamo visto tra le due H. Dopo un lungo ed intenso riscaldamento è giunto puntuale alle 14.00 il fischio di inizio dell’arbitro e la contesa ha avuto inizio. Bisogna dire che da parte avversaria la tattica di gioco non è stata nessuna sorpresa, avendo ricalcato lo stesso clichet già visto nei match precedenti di questo campionato: un avvio veemente, con il chiaro intento di impostare la partita sul piano della contrapposizione fisica, più che sul movimento ed il gioco alla mano. Ma tanto è bastato per inchiodare la formazione cesenate nella propria metà campo per almeno i primi 15 minuti di gioco. Arginata senza troppi problemi la sfuriata iniziale degli avversari, gli obelix si sono portati in attacco, giungendo nei 22 avversari con i suoi ball carrier, per poi aprire sul lato dx fino ad incontrare le mani del capitano Andrea Giampreti che ha raggiunto la riga e schiacciato in meta. Dopo il 7 a 0 sono seguite due lunghe interruzioni per causa di due infortuni in sequenza occorsi ai giocatori del Grande Selva, il primo dei quali ha dovuto attendere l’arrivo dei sanitari dal locale P.S., per maggiore prudenza. Pochi minuti dopo aver ripreso il gioco Old Cesena è poi nuovamente andato in meta con il pilone dx Simone Cossu dopo una prolungata percussione in avanti. Il primo tempo si è dunque chiuso sul punteggio di 12 a 0 per i padroni di casa, quanto è bastato per non lasciare nessuno tranquillo.

L’azione d’attacco che ha portato il n.17, l’estremo Pietro Magnani, in meta (la prima)

Infatti, il secondo tempo si è svolto sostanzialmente sulla stessa falsa riga del primo ma gli Old Cesena hanno dimostrato indubbiamente di avere qualche opzione di gioco in più rispetto agli avversari, cosa che ha permesso loro di andare ancora in meta, prima con il 2° centro Davide Valdinoci, poi due volte con l’estremo Pietro Magnani ed infine con l’ala Mattia Quartini, quest’ultimo alla sua terza partita in assoluto e la sua prima meta in un campionato.

L’incontro è quindi andato in chiusura sul punteggio finale di 34 a 0 per Old Cesena Rugby, aggiungendo altri 5 punti in classifica.

Bisogna complimentarsi con la squadra del Grande Selva per la prova tutto sommato buona mostrata sul campo di Cesena. Purtroppo hanno forse peccato un po’ troppo di inesperienza, tutto qui. Un plauso va certamente fatto alla compagine cesenate per il comportamento ineccepibile tenuto in campo, sempre nell’ambito della correttezza e con i nervi ben saldi, nonostante tutto. Ma c’è sicuramente anche qualcosa da rivedere in casa Cesena, perché in attacco spesso abbiamo visto la squadra un po’ troppo piatta e una trasmissione di palla a volte lenta e imprecisa. Beh, siamo sicuri che la squadra lavorerà al meglio per superare queste pecche ma soltanto dopo il meritato riposo che le Feste imminenti immancabilmente favoriranno. Nel frattempo il team cesenate potrà godersi la momentanea testa della classifica.

Nessuna pecca invece per il terzo tempo nella Club House Old Cesena Rugby. Sempre all’altezza della situazione il gruppo di old che ha preparato e servito agli astanti e che soprattutto ha spillato della ottima birra intorno al bancone dove si sono ritrovati a bere cordialmente insieme tutti i giocatori. Immancabile infine la consueta cerimonia per l’assegnazione del trofeo della squadra di casa, l’ormai famoso Broc of the Match, che si assegna al migliore/peggiore giocatore in campo per meriti “particolari”. Per questa partita la palla con le maniglie è passata dal collo del detentore Francesco Mondardini al nuovo designato Manuel Fabbri, tra gli applausi ed i cori dei compagni di squadra.

Non ci resta che darci appuntamento per la prossima partita a gennaio del nuovo anno, quando ovviamente saremo tutti un po’ più buoni e con qualche etto in più.

A tutti, soci, amici, tifosi e avversari sportivi giungano gli Auguri di un caloroso Buon Natale e Felice 2018 da parte della società ASD Old Cesena Rugby.

(Le foto dell’incontro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *