Metti una grigliata con gli All Blacks – La borsa di studi “Filippo Cantoni” Best Of The Match” a Raffaele Ciotoli

La Nazionale neozelandese Under 20, impegnata in questi giorni nel Mondiale di categoria, si prepara alla competizione sull’erba del “Maini” a Colorno. Tra la società biancorossa e i “baby blacks” è nata un’amicizia impreziosita da una piacevole grigliata svoltasi l’altra sera nell’area antistante la club house “Al Travacon”. Un momento conviviale, in piena sintonia con il cerimoniale rugbistico. Gli All Blacks hanno donato al sindaco di Colorno Michela Canova, che ha portato i saluti istituzionali in lingua inglese, un pallone autografato, mentre alla società biancorossa è stata consegnata una maglietta da gioco firmata da tutti i membri dello staff e dalla squadra. Mario Padovani, figura cardine del Rugby Colorno, ha fatto gli onori di casa ricambiando con cravatte brandizzate e una maglia da gioco dell’HBS. Padovani ha presentato inoltre i progetti della Onlus Sostegno Ovale, in particolare quelli nati in ricordo di Filippo Cantoni. Ai giocatori è stata donata una maglietta ciascuno della Onlus, oltre a braccialetti, depliant e il progetto grafico dell’Associazione. Elisa Maghenzani di Cantine Ceci ha premiato Tevita Li, ala di classe cristallina, migliore in campo contro la Scozia. 

Per la talentuosa ala neozelandese una “Bottiglia Lavagna” personalizzata di lambrusco Ceci recante la felce, simbolo dei “tutti neri”, il numero di maglia di Tevita Li e il logo del Rugby Colorno. Un’iniziativa questa che si svolgerà ogni volta che gli All Blacks giocheranno in questa edizione del Mondiale. Per ricambiare, gli ospiti hanno intonato un canto tipico neozelandese dagli echi quasi gospel, ma nessuno si sarebbe mai immaginato di assistere allo spettacolo che di lì a poco si sarebbe manifestato. Il giocatore di sangue maori più rappresentativo ha guidato la danza Haka, un’emozione unica per i presenti. Un momento carico di fascino e suggestione documentato sul nostro canale YouTube all’indirizzo http://bit.ly/1HVUK3p .
“Oggi siamo qui per ricordare chi c’è, chi è tra di noi. Filippo aveva una tremenda voglia di vivere, ed è col ricordo che lo teniamo vicino a noi ogni giorno”. Così Giovanni Mazzi, del Team Exodus, ha aperto l’assemblea alla scuola Maria Luigia di Parma dove il ricordo di Filippo Cantoni è ancora vivo, più che mai. Quel sorriso impossibile da dimenticare e quell’esempio di positività, altruismo e responsabilità sono stati i protagonisti nella mattinata di giovedì alla quale hanno partecipato anche il consigliere federale Stefano Cantoni e Rosanna Bianchini, genitori di “Pippo”, e Roberta Dotti, dell’Associazione Onlus Sostegno Ovale. Presente anche una delegazione dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato”e la Nazionale Italiana Under 20 con al seguito l’intero staff rappresentato dall’head coach Alessandro Troncon e da Andrea Nicotra, consigliere federale con delega alla Nazionale Under 20 impegnata proprio in questi giorni nel Mondiale di categoria.
Sostegno Ovale, nata dal Rugby Colorno nel 2013, ha ideato tre borse di studio che mirano a stimolare e premiare le doti umane, sportive e scolastiche dei giovani negli ambiti che Filippo frequentava: il Rugby Colorno, l’Accademia Nazionale “Ivan Francescato” e la scuola. Al Maria Luigia è stato consegnato il premio “Best of Match”, dedicato agli accademici. L’anno scorso lo hanno vinto Paolo Bonfiglio, oggi capitano della Nazionale Under 20, e Matteo Archetti. Quest’anno se lo sono aggiudicato, a pari merito, Riccardo Raffaele, mediano di mischia, e Davide Ciotoli, terza linea. “Vincere questo premio è una sensazione unica – ha detto commosso Raffaele – anche per quello che Filippo ci ha lasciato. Io non ho avuto la fortuna di conoscerlo, ma i valori che ha trasmesso sono solidissimi e chiari a tutti”. È stata anche l’occasione per porre l’accento sulla terza borsa di studio Premio “Filippo Cantoni Dieci e Lode”, dedicata ai maturandi dell’anno 2015. Le iscrizioni sono ancora aperte e gli studenti che rientrano nei parametri, elencati sul sito dell’Associazione Sostegno Ovale, possono ancora iscriversi. La consegna ufficiale delle tre borse di studio avverrà il 12 settembre in occasione della festa de “Il Sorriso che non si dimentica”. Spazio rilevante anche per i Bufali Rossi, un progetto di Sostegno Ovale che permette a giovani che hanno subito un break down psicologico di rientrare nei circuiti sociali ordinari grazie al gioco del rugby. Erano presenti Massimiliano Farraj, allenatore della specialissima squadra, e Andrea Leone, psicologo facente parte dello staff medico che segue e documenta i progressi dei ragazzi. Ricordata l’iniziativa benefica che permette di dotare i Bufali Rossi di un nuovo pulmino per le trasferte: si dona attraverso la tecnica del crowdfunding. Donare è facile, basta visitare la piattaforma Indiegogo o la pagina Facebook dei Bufali e seguire le istruzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *